Nuovi processi dell’ingegneria genetica: perché dovremmo farne a meno

05. luglio 2023

Gli alimenti europei sono quasi privi di OGM, a eccezione di due paesi in cui viene coltivata una varietà di mais da foraggio. In Svizzera è in vigore una moratoria sull’ingegneria genetica negli alimenti fino al 2025. Ciò significa che l’agricoltura, l’industria e il commercio stanno rispondendo ai chiari desideri di consumatrici e consumatori. Nei sondaggi, l’80 % rifiuta l’ingegneria genetica negli alimenti¹.

La sicurezza alimentare in Europa è nettamente superiore a quella degli Stati Uniti, amanti dell’ingegneria genetica, dove il 10 % della popolazione dipende dagli aiuti alimentari, o del Brasile, dove più di un terzo della popolazione soffre la fame.

Tuttavia, gli alimenti geneticamente modificati potrebbero presto essere «sulla bocca di tutti» anche qui, se verranno attuate le attuali proposte della Commissione UE. Il settore bio sarà particolarmente colpito perché dovrà assumersi i rischi, i costi e i controlli che prima erano a carico degli inquinatori o dello Stato.

Cosa ci si può aspettare a livello politico?

Come la Commissione UE all’inizio di luglio 2023, anche la Svizzera intende deregolamentare le nuove tecniche di ingegneria genetica nel 2024. Alcune colture di ingegneria genetica non dovrebbero più richiedere un’autorizzazione speciale, una valutazione del rischio, la rintracciabilità e la designazione, e la responsabilità del produttore verrebbe esclusa. Così, i principi costituzionali di precauzione e del «chi inquina paga» verrebbero meno.

Il chiaro verdetto della Corte di giustizia europea² verrebbe ignorato, così come le considerazioni del Consiglio federale svizzero su tre postulati rilevanti³. Ci sarebbero due regolamenti differenti per i vecchi e i nuovi processi di ingegneria genetica. Paradosso: nell’agricoltura biologica tutte le piante così coltivate sono considerate «geneticamente modificate». Indipendentemente dal fatto che siano state coltivate con vecchi o nuovi processi di ingegneria genetica, il loro impiego resta vietato. Cosa diranno i tribunali a riguardo? Una sicurezza giuridica sarebbe ben diversa.

Promesse e realtà

Dopo 30 anni di ingegneria genetica, le stesse promesse dei sostenitori sono oggi verificabili.

  • Meno pesticidi grazie all’ingegneria genetica: Le quattro maggiori aziende produttrici di prodotti fitosanitari sono anche i più grandi produttori di semente con una quota di mercato del 62 % a livello mondiale⁴. Ridurranno il loro business dei pesticidi con piante robuste? Nei paesi con ingegneria genetica, si osserva spesso un aumento dell’uso di pesticidi e un aumento del costo del semente, mentre aumentano i problemi legati agli organismi nocivi e alle malattie multiresistenti⁵.
  • La lista regolarmente aggiornata dell’Ufficio federale dell’ambiente⁶ mostra che anche con le nuove tecniche di ingegneria genetica prevalgono soprattutto varietà geneticamente modificate tolleranti agli erbicidi in fase di sviluppo. Inoltre, predominano varietà con caratteristiche brevettabili: insalate che non si ossidano, pomodori con componenti per uno stile di vita specifico, senape con meno sostanze amare. Le varietà resistenti vengono ancora quasi esclusivamente sviluppate tramite metodi tradizionali.
  • Resilienza climatica: Anche se il cambiamento climatico viene ridotto a calore e siccità, l’ingegneria genetica ha fornito poche soluzioni utili. La genetica coinvolta è semplicemente troppo complessa. La vera sfida è in ogni caso l’aumento dell’imprevedibilità: inverni molto caldi seguiti da gelate tardive fatali, piogge torrenziali, tempeste, grandine, ondate di calore e incursioni di freddo precoce. Non solo il settore bio affronta queste sfide con la diversificazione dei sistemi di coltivazione. Le monocolture sono acqua passata e vengono sostituite da intelligenti avvicendamenti. Vengono coltivate miscele di varietà. L’agroforesteria fornisce ombra e trattiene il CO2. La resistenza deriva anche dalla cura attenta del suolo. Il suolo bio contiene più massa radicale, assorbe più carbonio e acqua ed è più biodiverso⁷.
  • Maggiore velocità: Per raggiungere la commercializzazione, una varietà richiede ancora dai 12 ai 15 anni. Una grande parte di questo tempo viene impiegata per analisi e pianificazione, test agronomici, moltiplicazione e registrazione delle varietà. Anche i metodi tradizionali sono diventati più rapidi, ad esempio attraverso la selezione assistita da marcatori e metodi di miglioramento partecipativo⁸. Ma attenzione: più velocemente una varietà viene approvata, più facilmente si possono trascurare i rischi.

Comprendere e rispettare le piante per coltivare con successo

Il settore bio ha condotto una discussione intensa in cui sono stati esaminati argomenti scientifici, etici, ecologici e socio-economici. Alla fine, l’assemblea dei delegati di Bio Suisse si è espressa all’unanimità (!) contro l’uso di processi di ingegneria genetica.

Bio Suisse si basa su una comprensione sistemica delle piante. Le piante vivono in stretta connessione con il suolo e la vita nel suolo. Scambiano nutrienti e informazioni tra loro, persino tra specie diverse. Si avvertono reciprocamente della comparsa di parassiti, attivano insieme meccanismi di difesa o richiamano organismi utili mediante sostanze attrattive. Le piante dispongono di punti di ancoraggio per i funghi, che forniscono loro specifici nutrienti e acqua, ricevendo in cambio altri nutrienti. A seconda della composizione della vita nel suolo, le piante possono essere robuste o suscettibili a determinate malattie e possono produrre più o meno raccolto⁹,¹⁰. Attraverso meccanismi epigenetici, le piante trasmettono esperienze alle generazioni successive senza essere codificate nel DNA¹¹,¹². Molte abilità delle piante sono andate perdute a causa della mancanza di conoscenza, degli obiettivi di selezione unilaterali e dello spostamento della coltivazione nel laboratorio e nel mondo virtuale.

La selezione bio mira a rafforzare le piante coltivate, promuovere la vita nel suolo e gli organismi utili e tener conto dell’ignoto, facendo così in modo che avvenga a condizioni bio. La selezione viene intesa come un dialogo tra i selezionatori e le piante nel loro ambiente biologico, nonché come un’attenta continuazione del lavoro di molte generazioni di selezionatori.

Da ciò l’organizzazione internazionale di riferimento per l’agricoltura bio ha tratto direttive che si applicano al settore bio in tutto il mondo:

  • La cellula e il genoma sono rispettati come un’unità indivisibile. Interventi tecnici come radiazioni ionizzanti, sostanze chimiche o ingegneria genetica non sono consentiti.
  • La selezione e la propagazione delle varietà devono avvenire in condizioni controllate biologicamente.
  • Le tecniche di selezione utilizzate devono essere rese note. Per le selezioni vegetali biologiche può essere ottenuta la protezione giuridica della varietà, ma le stesse non devono essere brevettate.
  • La capacità riproduttiva naturale della pianta viene rispettata e preservata.

Se si guarda alla selezione genetica attraverso questo quadro etico, le violazioni sono evidenti. Questa selezione avviene in modo sterile in laboratorio. La pianta viene smembrata in singole cellule, privata della parete cellulare e nutrita artificialmente in un ambiente sterile. Dopo un intervento tecnico nel nucleo della cellula, la singola cellula viene curata e gradualmente riabituata all’ambiente naturale mediante trucchi chimici e fisici, fino a diventare nuovamente una pianta intera. Vanno considerati numerosi brevetti. Gli effetti epigenetici e la comunicazione tra le piante e la vita nel suolo vengono completamente ignorati nel processo.

Spesso viene ignorato anche il fatto che con CRISPR/Cas si superano non solo i confini delle specie, il che viene considerato una linea rossa nella discussione attuale sulla cis-/transgenetica. CRISPR/Cas è un meccanismo presente nei batteri che viene artificialmente inserito in una pianta superiore¹³. I batteri si difendono utilizzando il meccanismo CRISPR/Cas contro i virus per mantenere intatto il loro genoma. Con CRISPR/Cas, i selezionatori modificano il genoma delle piante superiori nel senso opposto: aggirano i loro meccanismi di difesa per alterare il genoma.

Conclusioni per il legislatore

Con l’ingegneria genetica manipoliamo il «nucleo della vita», ovvero il DNA nel nucleo delle cellule. Ancora non abbiamo compreso appieno come funziona la vita. Ciò impone al legislatore di agire con prudenza. Se non mantiene la moratoria, dovrebbe almeno attuare il principio costituzionale di precauzione e responsabilità: i rischi devono essere attentamente valutati prima dell’autorizzazione. Alle consumatori e ai consumatori dovrebbe essere data la libertà di scelta con l’obbligo di dichiarazione, i produttori dovrebbero essere ritenuti responsabili con una legge sulla responsabilità oggettiva. E l’agricoltura bio dovrebbe essere promossa in modo più deciso invece di essere messa a rischio da leggi lacunose.

Bibliographie

¹BFS, «Umwelt Taschenstatistik 2020. 02 Raum und Umwelt». 2020.
²EuGh, «Rechtssache C-528/16: Vorlage zur Vorabentscheidung – Absichtliche Freisetzung genetisch veränderter Organismen in die Umwelt», 25. Juli 2018. https://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf text=&docid=204387&pageIndex=0&doclang=DE&mode=lst&dir=&occ=first&part=1&cid=24687170 (zugegriffen 26. Juni 2023).
³Bundesrat, «Regulierung der Gentechnik im Ausserhumanbereich. Bericht des Bundesrates in Erfüllung der Postulate 20.4211 Chevalley: Gentechnik. Welcher Geltungsbereich?; 21.3980 WBK-N: GVO-Moratorium. Belastbare Informationen als Grundlage für gute Entscheide; 21.4345 WBK-S: Züchtungsverfahren mit Genom-Editierungsmethoden», BAFU, Bern, BAFU-212.1-53180/13/2/10/5/10, Feb. 2023.
⁴P. Howard, «Recent Changes in the Global Seed Industry and Digital Agriculture Industries», Philip H. Howard, 4. Januar 2023. https://philhoward.net/2023/01/04/seed-digital/ (zugegriffen 26. Juni 2023).
⁵Heinrich-Böll-Stiftung, «Gentechnisch veränderte Pflanzen & mehr Pestizide», 12. Februar 2022. https://www.boell.de/de/2022/01/12/gentechnisch-veraenderte-pflanzen-mehr-pestizide (zugegriffen 27. Juni 2023).
⁶D. E. Gelinsky, «Neue gentechnische Verfahren: Kommerzialisierungspipeline im Bereich Pflanzenzüchtung und Lizenzvereinbarungen. Im Auftrag des Bundesamtes für Umwelt (BAFU)», S. 105, Jan. 2022.
⁷J. Hirte u. a., «Enhanced root carbon allocation through organic farming is restricted to topsoils», Science of The Total Environment, Bd. 755, S. 143551, Feb. 2021, doi: 10.1016/j.scitotenv.2020.143551.
⁸P. Keijzer, E. T. L. van Bueren, C. J. M. Engelen, und R. C. B. Hutten, «Breeding Late Blight Resistant Potatoes for Organic Farming—a Collaborative Model of Participatory Plant Breeding: the Bioimpuls Project», Potato Res., Okt. 2021, doi: 10.1007/s11540-021-09519-8.
⁹F. Koechlin, Schwatzhafte Tomate, wehrhafter Tabak: Pflanzen neu entdeckt, Erste Auflage. Basel: Lenos Verlag, 2016.
¹⁰A. M. Wiemken, «Liste der Publikationen von Prof. em. Andres M. Wiemken, Universität Basel», Publications, 2023. https://duw.unibas.ch/de/personen/andres-m-wiemken/publikationen/ (zugegriffen 28. Juni 2023).
¹¹«Epigenetik», Wikipedia. 25. Mai 2023. Zugegriffen: 28. Juni 2023. [Online]. Verfügbar unter: https://de.wikipedia.org/w/index.php?title=Epigenetik&oldid=234021429
¹²J. Düesberg, «Klein, aber oho!», Gen-ethisches Netzwerk e.V., 26. August 2022. https://www.gen-ethisches-netzwerk.de/genome-editing/wissenschaftskritik/262/klein-aber-oho (zugegriffen 28. Juni 2023).
¹³«CRISPR/Cas-Methode», Wikipedia. 27. Juni 2023. Zugegriffen: 28. Juni 2023. [Online]. Verfügbar unter: https://de.wikipedia.org/w/index.php?title=CRISPR/Cas-Methode&oldid=234972216